Best practices e smart working: come evitare il fallimento di un’opportunità

8 Mag 2020

Tempo di lettura: 4 minuti

Best practices e smart working: come evitare il fallimento di un’opportunità

Lapplicazione dello SmartWorking, era già in forte crescita (soprattutto nelle Grandi Imprese) ma con lemergenza, le prescrizioni per il contenimento del COVID-19 ed ora per la ripartenza, è letteralmente esploso divenendo la soluzione ponte per moltissime realtà aziendali, anche PMI.

I dati diffusi dall’Osservatorio Smartworking del Politecnico di Milano, lo confermano: a fronte di un incremento del 20% tra 2018 e 2019, nei soli primi mesi del nuovo anno, in Italia, si sono superati gli 8 milioni di smartworkers!

Lo smartworking (quello vero, codificato dalla Legge n.81/2017) infatti è una grande opportunità che moltissime organizzazioni aziendali, sia private che pubbliche, stanno testando adesso, e -nonostante le criticità date anche dall’improvvisazione – ne stanno comunque apprezzando i lati positivi, primo fra tutti l’aver potuto non chiudere totalmente e proseguire le attività “remotizzabili” da casa, durante il lockdown ed anche adesso nei mesi di ripartenza che ci attendono.

Lo smart working, evoluzione del telelavoro degli anni’80 ma ben diverso da questo, è infatti parte integrante di un cambiamento del paradigma lavorativo moderno e della filosofia alla base di esso, improntata su tre pilastri:

  • tecnologia
  • spazi innovativi
  • cultura manageriale orientata all’autonomia ed al riconoscimento del talento del lavoratore.

Il lavoratore, infatti, grazie a:

  • maggior libertà organizzativa e gestionale (slegata da luogo ed orario)
  • migliore gestione della vita privata e delle proprie risorse (tempo e denaro)
  • maggiore gratificazione per la fiducia ed il riconoscimento delle proprie capacità da parte dell’Azienda (alla quale si lega maggiormente)

raggiunge gli obiettivi e i risultati concordati con maggiore produttività e soddisfazione.

..ma perchè il cambiamento fa così tanta paura?

L’essere umano, per sua natura, ha sempre osteggiato il cambiamento, mal adattandosi a lasciare la propria “comfort zone”, anche quando necessario, ma le crisi e le condizioni di emergenza (in qualsiasi periodo storico o ambito si siano concretizzate e si presentino) hanno sempre portato – volente o nolente – a cambiamenti, spesso repentini, a dei veri e propri “salti evolutivi”, come quello avvenuto adesso con l’adozione massiva dello smart working (per il quale sono stati bypassati tutti gli aspetti strategici, strutturali, culturali e concettuali, per arrivare direttamente a quelli operativi: i più necessari per le Aziende) e per la digitalizzazione!

..ma la mentalità, si sa… è più lenta ad adattarsi!

Nonostante quindi da un giorno all’altro ci sia stato, in moltissime realtà lavorative, uno stravolgimento delle abitudini e procedure, imponendo di fatto dei cambiamenti (che probabilmente sarebbero avvenuti comunque, molto più lentamente e tra chissà quanti altri anni..!?) ci stiamo domandano se – cessata l’emergenza e ritornati alla “normalità”(?!)- si continuerà o no a lavorare in smartworking: come se una volta fatto un simile passo in avanti, si potesse tornare indietro!? … sarebbe come dire che l’uomo primitivo scoperta la ruota, si ostinasse a non volerla utilizzare!

Per questo motivo lo smart working è parte integrante di un percorso di Business Agility, che non solo permea ogni ambito aziendale (dall’organizzazione e processi, agli strumenti e tecnologie, ma soprattutto le persone, sulle quali si concentra particolarmente), ma richiede tempo, visione strategica, budget dedicato e supporto di esperti, per potersi tramutare in una mentalità che si traduce poi in crescita efficace e vincente.

Dati presentati dall’Osservatorio SmartWorking del Politecnico di Milano

Tuttavia nell’applicazione dello smartworking, non possiamo negare che, oltre ai benefici, esistano anche delle criticità, quali :

  • organizzazione e gestione delle attività da remoto;
  • comunicazione efficace;
  • collaborazione a distanza;
  • utilizzo di strumenti e programmi digitali da remoto;
  • concentrazione (a causa di ambienti non già strutturati per il lavoro)

..ma la maggior parte di queste, sono prevenibili ed affrontabili efficacemente mediante formazione (anche in modalità e-learning) mirata a compensare tutte le carenze e ad acquisire soft/hard skills; acquisizione esperienza e best practices di altre Organizzazioni esperte.

Per quanto riguarda la Formazione:qui trovate la proposta Eukinetica, appositamente formulata anche per la fruizione in e-learning * (BP n.5)

Per quanto riguarda le Best Practices: abbiamo fatto noi la ricerca per Voi….ed eccole qui, in questa infografica.

Come si può notare nelle “BestPractices for Managers” è la PERSONA, all’interno delle Aziende performanti, a rivestire il ruolo prioritario e centrale, sotto moltissimi aspetti: dallo stile di leadership all’approccio innovativo degli ambienti lavorativi (progettati e/o ottimizzati ad hoc per creare ed incentivare sia il benessere personale che quello lavorativo con migliori performances), sia per quelli aziendali che per quelli, per estensione, domestici!

Gli ambienti lavorativi domestici, gli “SmartHomeOffice”, andrebbero infatti considerati con ancor più attenzione e necessità, in quanto “ospitati” all’interno di immobili residenziali, non progettati, pensati ed organizzati spazialmente anche per una funzione di lavoro strutturato ed organizzato continuativo, e presentano criticità che andrebbero conosciute e prevenute affinchè il lavoratore stia bene e sia efficace e produttivo, come in “ufficio”.

L’attenzione posta dalle Organizzazioni sul benessere del lavoratore deriva dalla  sempre maggiore  consapevolezza della  correlazione tra “wellbeing” e “productivity” e – conseguente – “economic benefit” (sia interno che esterno); così le Aziende maggiormente competitive e proattive sul mercato, capaci di attrarre nuovi talenti e superare prima i momenti critici, richiedono la progettazione/ottimizzazione dei propri ambienti in chiave “smart” e “concepiti intorno alla persona”, come ad esempio i nostri Korner Eukinetica: spazi aziendali nei quali il lavoratore in autonomia può prendersi cura del proprio benessere ed equilibrio, de-stressando le articolazioni ma anche rilassandosi durante una pausa attiva e salutare o come gli Smart-Offices e Smart-HomeOffices, anch’essi concepiti con approccio olistico integrato e stessa filosofia wellbeing . ** (BP n.6).

Ci auguriamo che questo articolo sia stato di Vostro gradimento e utilità, se Vi interessassero approfondimenti, anche i risultati sulle BestPractices per Smart workers, fatecelo sapere!

by: Silvia Brandano

bioArchitetto- InteriorDesigner SmartWorkSpace- RSPP per contatti ed informazioni: info@eukinetica.it

Photo by Canva.com e Osservatori.net

Ricevi il nostro foKus report

Come si sta evolvendo il lavoro degli HR in questo 2020? Quali sono i principali trend da monitorare? Nel foKus Report Eukinetica condividiamo informazioni utili, riflessioni costruttive e strumenti applicabili attraverso azioni sostenibili. È un REGALO esclusivo per te, che in azienda ti occupi di garantire una corretta gestione del personale, del suo piano di sicurezza e sviluppo e del potenziamento delle sue competenze, e che per farlo ti esponi ogni giorno in prima linea anche nella scelta delle attività di training e formazione.

Copyright 2012 - 2020 | Eukinetica S.R.L. - P.Iva 09827560963

made with by Web To Emotions